Manifestazioni libereNews

video e photogallery- Una giornata emozionante nel ricordo del nostro storico presidente: il bilancio del Giavazzi Day a Zogno

0

 

Nonostante il brutto tempo le società bergamasche non hanno voluto mancare ad un appuntamento che l’Associazione Pescatori di Bergamo vuole portare avanti negli anni, il “Giavazzi Day”, la gara di trota torrente aperta solo ad agonisti orobici, nonostante l’assenza di diversi big impegnati fuori provincia.

Il campo gara è stato diviso tra esche artificiali e naturali, con il trofeo alla memoria di Alessandro Giavazzi è andato miglior squadra della giornata, oltre agli assoluti. E’ stata una mattinata dura sul fiume Brembo, ma al termine nemmeno il brutto tempo ha impedito di ricordare a dovere il nostro storico presidente scomparso nel 2016: era presente la sua famiglia, che ha premiato la miglior squadra, proprio la Cannisti Club Bergamo del presidente Antonio Cavalleri, la formazione dello stesso Giavazzi.

Ad organizzare è stata la sezione di Bergamo di un emozionato presidente Imerio Arzuffi, insieme allo Zogno di Santino Gotti, che ha ricordato la moglie scomparsa con due medaglie d’oro per gli assoluti. Una trentina i concorrenti al via nello spinning, con la vittoria andata a Giuseppe Baleri della Molinello con 25 pesci, che ha preceduto Edoardo Dossi dell’Al Bra con 14 e Maurizio Belotti della Molinello con 13.

Nella classifica a squadre alle spalle dei vincitori con 26 penalità, troviamo lo Strozza con 28 e la Scuola Pesca Valle Imagna con 34, mentre erano presenti anche Molinello, I Galecc, Laghetto dei Cigni, Savi Team e Pescasport Valbrembana. Una sessantina erano gli agonisti impegnati tra le esche naturali: la vittoria è andata a Luca Gozzini dei Cannisti Club Bergamo con 23 trote, alle sue spalle il compagno Eros Todeschini con 20 e Fabrizio Salvi, 2° di settore, della Valle San Martino con 20.

Ragazzi a pesca a Martinengo a cura dei Cannisti Albinesi 87 con più di 70 ragazzi

Previous article

Domenica 7 maggio a Dalmine il 7° Trofeo Angelo Rota a cura del Ciuca Sub Bergamo

Next article

You may also like

Comments

Comments are closed.